La classe media regina dei consumi globali

L’anno abbondante di pandemia non sembra poter scalfire una tendenza di lungo periodo: la classe media assorbirà una fetta sempre più larga dei consumi globali. E questo significa due cose: i poveri conteranno sempre meno e l’inflazione dovrà fare i conti con le caratteristiche della domanda.

Spunto per questo post è un bel lavoro pubblicato dal Brookings Institute ed opera di Wolfgang Fengler e Homi Kharas. I due ricercatori hanno provato a fare quelche stima sul futuro andamento dei consumi globali, anche alla luce di quanto successo negli ultimi 12 mesi con la pandemia di Covid-19.

I risultati dello studio sono molto interessanti. Innanzitutto Fengler e Kharas ci dicono che la pandemia, vista in una prospettiva di lungo periodo, non sembra poter modificare un trend di lungo periodo che porterà, entro il 2030, la classe media – intesa come tutti coloro che hanno un reddito giornaliero tra gli 11 ed i 110 dollari – a dominare la scena dei consumi, rilegando alla marginalità 3.3 miliardi di persone che non arrivano agli 11 dollari giornalieri di reddito.

Analizzando i dati sulle classi di consumatori a livello mondiale dal 1950 ad oggi si evidenziano due tendenze. La prima è l’aumento continuo degli appartenenti alla classe media, con il 2020 a rappresentare l’unico anno nel quale questa fascia di consumatori è diminuita su base annua. Nel 2021 i consumatori globali aumentaranno di 175 milioni di unità, l’incremento annuo più alto di sempre, e gran parte di questi “nuovi arrivati” prenderà posto tra le fila della classe media.

La proiezione al 2030 indica un aumento dei consumi del 50% rispetto al 2020, con una cifra complessiva che potrebbe sfiorare i 100 trilioni di dollari. Ed una larga fetta dei consumi globali sarà appannaggio delle classe media: 3 miliardi di persone che spenderanno qualcosa come 35 trilioni di dollari. Dall’altro lato la classe con i redditi più bassi si troverà a contare per circa il 6% dei consumi globali, un’inezia che costringerà altri 3 miliardi di persone a non contare praticamente nulla.

L’arrembaggio della classe media, sempre meno occidentale e sempre più globale, costringerà l’offerta a fare i conti con una domanda dalle disponibilità economiche sensibilmente più ridotte ma più numerosa, situazione questa che potrebbe avere ripercussioni di lungo anche sul piano dei prezzi.

Foto di Andreas Lischka

Borsino MacroEconomico
Spazio Etf - Analisi e strategie con gli etf