Le domande improvvise. Cosa sono GARP e PEG?

Sfruttare le prospettive di crescita delle azioni growth evitando le valutazioni eccessive. In estrema sintesi può essere questo il significato della strategia GARP e dell’indicatore PEG.

GARP e PEG sono concetti che rientrano tra i cosiddetti indicatori di crescita. Si tratta di indici che si focalizzanno sulla capacità di una società quotata di crescere nel tempo in termini di utili. Una crescita che però viene valutata in relazione al prezzo dell’azione e non in termini assoluti.

Attraverso l’utilizzo di questi indicatori un investitore può indagare le potenzialità di crescita di una azione ed al tempo stesso capire se quell’azione è sopravvalutata o sottovalutata, vale a dire se il prezzo corrente dell’azione è in linea con le attese di crescita degli utili oppure più basso (sottovalutazione) o più alto (sopravvalutazione).

Il PEG, acronimo di Price Earnings to Growth, è sostanzialmente il rapporto tra il multiplo P/E (prezzo su utili) ed il tasso di crescita degli utili previsto in un determinato periodo. Sappiamo che il P/E ci indica quante volte il prezzo è contenuto nell’utile per azione, più il rapporto è alto e più il titolo è “carico” di attese di potenziali utili futuri o, in alternativa, è ampiamente sopravvalutato. Se rapporto tra il P/E ed il tasso di crescita degli utili in un determinato periodo è superiore a 1 (quindi se il PEG assume un valore superiore a 1) potremmo essere di fronte ad una società il cui prezzo è alto rispetto alla sua potenziale capacità di crescere nel futuro. Un valore PEG compreso tra 0 e 1 potrebbe indicare una società sottovalutata e quindi potenzialmente interessante per un investimento. Valori negativi indicano una società che ha prospettive di calo degli utili, mentre un PEG pari a 1 identifica una società quotata al giusto prezzo.

Il GARP, acronimo di Growth at a Reasonable Price, è una sorta di strategia di investimento basata sulla valutazione del PEG. Storicamente il primo manager ad utilizzare questo tipo di analisi è stato Peter Lynch attraverso il leggendario Fondo Magellano. La strategia è presto detta, un investitore GARP cerca di selezionare società quotate con un PEG inferiore ad 1, vale a dire società con prospettive di crescita annua degli utili superiori al loro attuale rapporto P/E, in altre parole società che possono crescere nel tempo e che sono quotate ancora ad un prezzo “ragionevole”.

Foto di ds_30

Borsino MacroEconomico
Spazio Etf - Analisi e strategie con gli etf