Giappone, nuovo spettro deflazione. Gran Bretagna, vendite al dettaglio giù

Il -0.9% di novembre riaccende le preoccupazioni di un ritorno della deflazione in Giappone. Il dato, il peggiore da 10 anni a questa parte, arriva nel giorno in cui la BoJ decide di lasciare invariati i tassi ed estendere l’acquisto titoli. Questo ed altro nell’ultima K Briefing della settimana.

Giappone, nuovo spettro deflazione mentre la BoJ attende. Pesante caduta dei prezzi al consumo in Giappone. Il -0.9% su base annua registrato a novembre è il livello di inflazione più basso dall’agosto del 2010, il quinto rilevamento al ribasso consecutivo, il secondo consecutivo con il segno meno. I consumi giapponesi rimangono anemici e da più parti si solleva il timore di un ritorno della deflazione. Nel frattempo la BoJ, massicciamente impegnata in questi mesi, mantiene tutto invariato nell’ultima riunione del 2020 e prolunga i propri programmi di sostegno alle imprese e di acquisto titoli. Sul fronte inflazione l’istituto nipponico avvia una revisione della politica monetaria, obiettivo trovare nuovi strumenti o “sistemare” quelli esistenti per rendere più sostenibile il target del 2% di inflazione. Le conclusioni di tale studio sono attese per marzo prossimo.

Gran Bretagna, vendite al dettaglio giù a novembre. Primo segno meno da aprile scorso per le vendite al dettaglio nel Regno Unito. A novembre è -3.8% su base mensile, dato che è diretta conseguenza delle nuove restrizioni anti covid-19 e che risulta un po’ meno pesante di quanto atteso (-4.2%). La variazione su base annua rimane positiva a +2.4%. A dicembre, intanto, prova a rimbalzare la fiducia dei consumatori. L’indice GfK passa da -33 a -26, interrompendo una tendenza al peggioramento che durava da tre mesi. Particolarmente evidente il miglioramento delle aspettative sulla situazione economica nei prossimi 12 mesi.

Gran Bretagna, CBI order book balance migliora a dicembre. L’order book balance redatto dalla Confederation of British Industry migliora a dicembre più delle attese. Il bilancio rimane in territorio negativo, vale a dire che la maggioranza degli intervistati prevede ordini in calo, ma questa maggioranza si è nettamente ridotta a dicembre. L’indice passa da -40 a -25, mentre le attese erano per un -34. Le aspettative di produzione passano da -10 a -6. La motivazione di questo risultato risiede nella ripresa degli ordini dall’estero ed in una generalizzata brezza di ottimismo portata sul comparto industriale dalle notizie sui vaccini anti covid-19.

Germania, fiducia imprese a dicembre. L’arrivo dei vaccini sostiene la fiducia delle imprese tedesche. L’indice IFO di dicembre segna 92.1, in rialzo rispetto alla rilevazione del mese precedente e sopra le attese (90). Migliora sia la componente relativa alla percezione della situazione attuale, sia l’aspettativa sui prossimi mesi.

Foto di Masashi Wakui

Gli ultimi articoli di Ekonomia.it direttamente nella tua casella mail. Iscriviti qui sotto.
I dati trasmessi attraverso questo modulo sono trattati secondo la nostra privacy policy, in linea con la normativa vigente. Per nessun motivo verranno ceduti a terze parti o utilizzati per l'invio di messaggi di natura commerciale.