Gran Bretagna, male le vendite al dettaglio in aprile

Male le vendite al dettaglio in Gran Bretagna nel mese di aprile. Secondo mese consecutivo di calo e ritorno in negativo anche sul tendenziale. Nel frattempo, nota positiva, migliora la fiducia dei consumatori e sale ai massimi dal dicembre del 2021. Questo ed altro nell’ultima K Briefing della settimana.

Giappone, inflazione in calo ad aprile. Nel mese di aprile l’inflazione giapponese è scesa al 2.5% su base annua, con il tasso core che tocca il minimo da inizio anno al 2.2%. Si tratta di numeri in linea con le attese del mercato. Su base mensile i prezzi sono cresciuti dello 0.2%, stessa variazione del mese precedente e massimo da ottobre scorso.

Gran Bretagna, male le vendite al dettaglio in aprile. Nel mese di aprile le vendite al dettaglio in Gran Bretagna sono scese per il secondo mese consecutivo, registrando una variazione mensile di -2.3%, peggior risultato da dicembre scorso e quasi due punti oltre le attese del mercato. Il calo dei volumi di vendita è distribuito in tutti i settori, ma è da sottolineare la frenata nelle vendite di carburante (peggior dato da ottobre 2021). Su base annua torna il segno meno (-2.7%), mentre nel trimestre febbraio-aprile le vendite sono scese dello 0.7% rispetto al periodo precedente.

Gran Bretagna, migliora fiducia consumatori. L’indice sulla fiducia dei consumatori britannici sale nel mese di maggio e tocca il massimo dal dicembre del 2021. I -17 punti fatti registrare dal sondaggio sono frutto di aspettative economiche in miglioramento, anche se il costo della vita e quello dei finanziamenti continua a pesare sui bilanci familiari.

USA, ordini di beni durevoli. Terzo mese di crescita consecutivo per gli ordini di beni durevoli negli USA. Ad aprile la variazione mensile è stata di +0.7%, mentre le attese erano per un calo di otto decimi. Ancora un buon contributo da parte del settore trasporti, ma il dato risulta positivo anche senza questa componente (+0.4%). Torna a crescere anche la propensione all’investimento delle imprese statunitensi, con gli ordini esclusa difesa ed aerei che sale dello 0.3%, due decimi meglio delle attese.

USA, lettura finale di maggio per indice fiducia Michigan. L’indice sulla fiducia dei consumatori USA chiude maggio a 69.1 punti, meglio della stima preliminare ma sempre sul minimo da sei mesi a questa parte. Rivista al ribasso anche l’aspettativa di inflazione a 12 mesi che passa dal 3.5% al 3.3%; comunque sempre in crescita rispetto al mese precedente e massimo da sei mesi a questa parte.

Foto di Michal Jarmoluk

Gli ultimi articoli di Ekonomia.it direttamente nella tua casella mail. Iscriviti qui sotto.
I dati trasmessi attraverso questo modulo sono trattati secondo la nostra privacy policy, in linea con la normativa vigente. Per nessun motivo verranno ceduti a terze parti o utilizzati per l'invio di messaggi di natura commerciale.